.
Annunci online

DIO HA CREATO DARWIN
post pubblicato in diario, il 17 febbraio 2010

Da quel che so nè Darwin ,nè tantomeno Galileo, si sognarono mai di negare l'esistenza di Dio. Necessaria per spiegare l'inizio e la fine di tutte le cose, mentre sia la teoria dell'evoluzione, sia sia la teoria eliocentrica, spiegano in modo rivoluzionario, solamente dei passaggi intermedi. E' vero che sono teorie così affascinanti e così convincenti rispetto alle spiegazioni precedenti, che qualcuno sperò da una parte, e qualcuno temette dall'altra che avrebbero fatto nuova luce sull'inizio e sulla fine. Ma questo non è avvenuto.




permalink | inviato da wittge il 17/2/2010 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
QUEL PAZZO DI GESU'
post pubblicato in diario, il 17 febbraio 2010

 

 Beati gli ultimi è forse la frase più folle che mai sia stata detta.

Tutto, la natura, gli altri, noi stessi sentiamo forti spinte a primeggiare in diversi campi del potere, dell'onore, dell'autorevolezza, ect.

Beati gli ultimi è forse la frase più folle che mai sia stata detta.....a meno che Gesù non sia veramente quel figlio di Dio che sostenne fino alla fine. Allora tutto cambia....Però io credo che se uno cerca di "fare" molto ma in modo onesto, dando a Cesare quel che è di Cesare, sapendo perdonare, sapendo condividere e non essendo troppo egoista può arrivare in alto senza troppi rischi.

D'altraparte Gesù diceva "siate gli ultimi se volete essere i primi nell'altra vita". Una corretta ambizione la ammetteva




permalink | inviato da wittge il 17/2/2010 alle 20:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SENZA PERDONO NON C'E' FUTURO
post pubblicato in diario, il 31 ottobre 2008
SENZA PERDONO NON C'E' FUTURO è il titolo di un bellissimo libro di Desmond Tutu, Arcivescovo Anglicano in Sudafrica, che racconta il processo, o meglio i processi avvenuti nel paio d'anni successivi alla fine dell'aparthaid, sotto la presidenza Mandela.
Da noi, non se ne è saputo niente, almeno così mi pare. A livello di telegiornale perlomeno.
La vicenda oltre che essere istruttiva in generale, lo è anche per questi giorni in particolare dove si parla (e si vede) di infiltrati della polizia nei cortei di protesta studenteschi al fine di far esplodere risse e di farli passare sui midia per persone detestabili. 
Per non parlare di stragi e strategia della tensione in generale.
Cosa c'entra il Sudafrica?.
Dunque, al crollo dell'apartheid e con la presa del potere del partito di Mandela (suppongo che i neri siano netta maggioranza) si trattava di fare i conti col passato e le violenze subite. Morti e torture da parte della polizia bianca ma anche attentati da parte di rivoluzionari neri. Si scelse una strada a mio avviso molto coraggiosa e intelligente. Si diede un anno o due, non ricordo bene, agli eventuali autori di crimini per confessare tutto fino all'ultimo complice, ect, ect,. in cambio dell'amnistia totale. Cioè della libertà assoluta. In caso contrario, cioè se si veniva scoperti tramite indagini si sarebbe scontata la pena per intero. 
Questo comportò una valanga di confessioni che tennero per un anno e mezzo il Sudafrica incollato alla radio e al televisore perchè si venivano a sapere cose che molti non ritenevano possibili.
Mi colpì la testimonianza di una moglie che, poverina, disse:" ora capisco perchè mio marito (poliziotto) quando tornava a casa da quei giorni di "addestramento speciale" aveva problemi a dormire). In realtà andava ad ammazzare e far sparire un po' di neri.
Il perdono in cambio della verità. C'è da meditare.
Da noi abbiamo abbiamo la realtà dei pentiti, che però si complica con i falsi pentiti e con le ritorsioni dei clan ancora attivi.
Però quel che volevo sottolineare è come a volte la verità ti sia sconosciuta, anche addirittura se si tratta di tuo marito, moglie o figli, ect... Figuriamoci per quanto riguarda personaggi pubblici che vedi qualche volta sul giornale.



permalink | inviato da wittge il 31/10/2008 alle 8:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia ottobre